Percorso

Cerca

Accesso Utenti

Partners

 

 

Visitatori

Abbiamo 3 visitatori e nessun utente online

La Metodologia per l’assegnazione dei volumi massimi di prestazioni e dei correlati limiti di spesa alle strutture private accreditate per gli anni prossimi prevede di trasformare il "tetto di spesa base" in tetto di spesa di struttura.

Nei primi mesi dell’anno, prima che venga approvato il provvedimento per l’anno in corso, sono confermati i limiti di spesa per ciascun erogatore vigenti per l’anno precedente, sempre suddivisi per dodicesimi.

Il tetto di spesa annuale, suddiviso per dodicesimi, viene attribuito a ciascuna struttura privata accreditata in virtù del procedimento descritto di seguito:

A. Si determina, per ciascuna struttura, il Valore Teorico Massimo di Produzione ottenuto moltiplicando la Capacità Operative Massima per il Valore Medio Prestazionale di riferimento.

B. Il Valore Teorico Massimo di Produzione, così determinato, viene riproporzionato in funzione del vincolo di spesa annuale attribuibile alla singola ASL per la specifica branca di pertinenza, ottenendo così il Tetto di Spesa Teorico.

C. Il Tetto di Spesa Teorico viene, poi, opportunamente confrontato e messo in relazione con il Tetto di Spesa assegnato nell’anno precedente e con il fatturato liquidabile riconosciuto dall’ASL sempre per l’anno precedente, ivi compresa la parte extra-tetto soggetta a regressione tariffaria, così da ottenere il Tetto di Spesa Base, sempre nel rispetto del vincolo di spesa annuale attribuibile alla singola ASL per la specifica branca di pertinenza.

D. Il Tetto di Spesa Base viene, infine, incrementato o decrementato in funzione del punteggio conseguito dalla singola struttura privata accreditata sulla base di parametri di valutazione così da ottenere il Tetto di Spesa di Struttura.

 

Per informazioni rivolgersi all'ing. Antonio Carillo (email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).